corso indirizzo musicale

Il corso ad indirizzo musicale
prevede l'insegnamento dei seguenti strumenti:
violino
pianoforte
chitarra classica
flauto traverso

I Corsi ad Indirizzo Musicale, ricondotti ad ordinamento con Decreto Ministeriale 6 agosto 1999, n. 201, hanno un'importante funzione educativa nella società contemporanea, ricca di sollecitazioni musicali, spesso vissute passivamente. Essi nascono dall'esigenza di offrire agli alunni la possibilità di accostarsi alla cultura e alla tecnica musicale non solo dal punto di vista teorico, ma anche e soprattutto da quello pratico, attraverso lo studio triennale di uno strumento.
Questo studio, affidato alla competenza di insegnanti specializzati, prevede che oltre l'orario ordinario di 30 ore si aggiungano 3 ore settimanali di lezione di teoria e solfeggio, di musica d'insieme e di lezione individuale di pratica strumentale.
La pratica strumentale è introdotta anche in orario antimeridiano anche al fine di armonizzare il corso col curricolo e con le attività della scuola.
Delle classi ad indirizzo musicale entreranno a far parte gli alunni che ne avranno fatto specifica richiesta al momento dell'iscrizione alla prima classe.
La frequenza del corso è COMPLETAMENTE GRATUITA. L'ammissione al corso consiste in una semplice prova orientativo-attitudinale per cui NON OCCORRE SAPER GIÀ SUONARE, ma verranno valutate attentamente le inclinazioni, le capacità ritmico-melodiche, l'idoneità fisica e la motivazione.
Gli insegnanti di strumento, tutti altamente qualificati e con esperienza di insegnamento, sono nominati attingendo da una specifica graduatoria.
Gli alunni di ciascuna classe vengono ripartiti in quattro gruppi per l'insegnamento di quattro diversi strumenti musicali:
a) Flauto
b) Pianoforte
c) Chitarra
d) Violino
Gli strumenti (escluso il pianoforte) possono essere dati agli alunni in comodato d'uso per la classe prima, previa richiesta scritta della famiglia, con la prospettiva che le famiglie acquistino lo strumento per le classi successive.
Le ore di insegnamento sono destinate alla pratica strumentale individuale e per piccoli gruppi, all'ascolto partecipativo, alle attività di musica d'insieme, nonché alla teoria e lettura della musica. Gli alunni avranno la possibilità di partecipare a rassegne e concorsi musicali. Durante l'anno, a metà anno e alla fine, gli alunni metteranno in luce le conoscenze e abilità acquisite. Gli allievi più meritevoli potranno, inoltre, essere impegnati in esecuzioni pubbliche e concerti e potranno partecipare a concorsi musicali anche in campo nazionale.
In sede di esame di licenza verrà verificata, nell'ambito del previsto colloquio pluridisciplinare, anche la competenza musicale raggiunta al termine del triennio sia sul versante della pratica esecutiva, individuale e/o d'insieme, sia su quello teorico. Alla fine
del triennio gli allievi riceveranno un attestato di frequenza del corso ad indirizzo musicale con la relativa valutazione. Tale attestato potrà essere presentato alle scuole superiori come credito formativo.
La scuola secondaria di primo grado ad indirizzo musicale non si propone di formare degli strumentisti professionisti ma, in accordo con le finalità generali della scuola media, svolge un percorso educativo e formativo attraverso la musica fornendo, al tempo stesso, le competenze necessarie per la prosecuzione degli studi in ambito specificamente musicale.

Informazioni aggiuntive